Cosa scarichi e perché lo scarichi?

NuMediaBios, l'osservatorio dei nuovi media dell'università di Milano Bicocca, ha terminato da poco uno studio focalizzato sul mondo delle applicazioni e chi le utilizza. Il focus è stato fatto nei primi mesi del 2013 con un campione,  composto da 3.928 persone, suddivise tra utilizzatori di "app di servizio" e studenti del polo universitario, al quale è stato proposto un unico questionario. Gran parte degli intervistati ha dichiarato di utilizzare principalmente le applicazioni offerte dai brand preferiti, per fare acquisti ed essere guidati nei processi decisionali che li precedono. Dai dati emerge infatti che l'utente medio è alla continua ricerca di offerte, esclusive o meno, e l'applicazione risulta più immediata e facile da esplorare.

MyMarketing.net riassume così i dati raccolti da NuMediaBios:" Le app dei brand sono maggiormente usate dai ragazzi fino ai 19 anni (35,3%), seguono i giovani di età compresa tra i 25 e i 34 anni (25,9%) e gli utenti di età compresa tra i 35 e i 44 anni (16,7%). Infine, il 50 % degli adulti intervistati, di età superiore ai 65 anni, non scaricano mai app di servizio". Di questi, come approfondimento, sono star prese in considerazione le motivazioni che spingono gli utenti a scaricare l'applicazione  :"In particolare, per utilizzare le “funzioni da negozio”, ovvero tutte quelle funzionalità legate agli acquisti o all’interazione con il punto vendita: quasi il 94 % degli intervistati ha espresso utilità nella possibilità di utilizzare la carta fedeltà mostrando direttamente il proprio dispositivo mobile al momento dell’acquisto; il 92 % dichiara che è utile utilizzare la funzione “check in” quando ci si trova sul punto vendita per ricevere un regalo o un’offerta riservata. Apprezzata anche la possibilità di accedere tramite l’app ad un’area personale in cui trovare il riepilogo delle proprie azioni, come per esempio gli acquisti effettuati o la selezione dei capi preferiti (inseriti ad esempio in una Wishlist personale) funzione ritenuta abbastanza e molto utile dal 90,3% degli utenti intervistati". (MyMarketing.net)

Anche la necessità di comunicare fa parte delle motivazioni che spingono gli utenti a scaricare delle app, i social, vengono definiti utili dal  41%  e molto utili dal  38,2% così come l'utilizzo dello smartphone o tablet per navigare, il 33,7% lo usa più di 3 ore al giorno e il 40,3 % asserisce di collegarsi ai social più volte nell'arco della giornata. Cosa ne dite? Vi sentite anche voi parte di queste percentuali o avete opinioni che si discostano?

 

Think in Red!

 

Classe 1971 (e basterebbe questo). Co-founder di Rossa, pioniera del design thinking in Italia, esperta di vini e in particolare Champagne (praticante soprattutto per ragioni professionali). Avrebbe preferito nascere nella New York degli anni '50, aspirante Mad Man, ma si trova molto bene anche dove sta.